Famiglia stilizzata, image by GDJ - Open Clipart


 

ASSEGNO UNICO TEMPORANEO PER FIGLI MINORI. Dal 1° luglio 2021 e fino al 31 dicembre 2021, ai nuclei familiari  con figli da 0 a 18 anni, che non hanno accesso all’assegno per il nucleo familiare è riconosciuto un assegno unico mensile temporaneo.  Dal 1 gennaio 2022, il provvedimento dovrebbe diventare  strutturale per tutte le famiglie a partire dal settimo mese di gravidanza e fino al compimento dei 21 anni dei figli a carico. 
Requisiti:
  • essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero essere cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;
  • essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito in Italia;
  • essere domiciliato e residente in Italia e avere i figli a carico sino al compimento del diciottesimo anno d’età;
  • essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale;
  • il nucleo familiare deve avere un Isee inferiore a 50mila euro annui e non deve avere diritto a percepire i normali assegni familiari.
La domanda andrà presentata in modalità telematica all’Inps oppure passando da Caf e Patronati. Le modalità saranno indicate dall’INPS entro il 30 giugno 2021. Se si presenterà la domanda entro il 30 settembre 2021 si potranno richiedere gli arretrati dal mese di luglio, mentre le domande presentate dall’1 ottobre 2021 daranno diritto all’assegno a partire dal mese in cui la domanda è stata inoltrata. L’erogazione avverrà con bonifico bancario direttamente sul conto corrente.
Per ciascun figlio minore con disabilità spettano 50 euro aggiuntivi.
L’assegno non andrà a sommarsi alla base imponibile Irpef.
Potranno riceverlo anche i genitori divorziati: a ognuno dei due sarà versato il 50per cento.
La misura è compatibile con tutte le altre prestazioni. Coloro che già prendono il Reddito di Cittadinanza riceveranno l’assegno unico familiare sulla stessa carta RdC di Poste Italiane. TABELLA importi 
 
 

CONTRIBUTI PER LA FREQUENZA AI CENTRI ESTIVI 2021 I Comuni del distretto di Castelfranco Emilia (Bastiglia, Bomporto, Castelfranco Emilia, Nonantola, Ravarino, San Cesario sul Panaro) hanno aderito al Progetto per la conciliazione vita-lavoro, finanziato con le risorse del Fondo Sociale Europeo, a sostegno delle famiglie che avranno la necessità di utilizzare servizi estivi nel periodo di sospensione estiva delle attività scolastiche anno 2021. I Contributi sono destinati alle famiglie degli alunni con fascia di età compresa tra i 3 e i 13 anni (nati dal 2008 al 2018) della scuola dell'infanzia, primaria e secondaria  di primo grado, con un ISEE non superiore a 35000 euro. Per poter presentare la domanda entrambi i genitori devono essere lavoratori dipendenti, parasubordinati, autonomi o associati, sono comprese le famiglie nelle quali uno o entrambi i genitori siano fruitori di ammortizzatori sociali oppure, se uno o entrambi i genitori, siano disoccupati abbiano sottoscritto un Patto di servizio quale misura di politica attiva del lavoro; oppure solo uno dei due genitori lavori e l’altro genitore è impegnato in modo continuativo in compiti di cura di un componente della famiglia con disabilità grave o non autosufficienza.
La domanda di contributo per il centro estivo è pubblicata  sul sito istituzionale del Comune di Castelfranco Emilia e dovrà essere inoltrata categoricamente online dal 15 giugno alle ore 23.59 del 15 luglio 2021.  Il link diretto alla pagina è il seguente: domanda di contributo per il centro estivo, progetto per la conciliazione vita-lavoro - anno 2021
Per presentare la domanda è necessario essere in possesso delle credenziali SPID (in alternativa, si possono utilizzare le credenziali Sosia@ unicamente per chi ne è già in possesso e solo se rilasciate dal Comune di Castelfranco Emilia).Il genitore che presenterà domanda on line, è il medesimo a cui dovranno essere intestati i pagamenti del centro estivo. 
In caso di difficoltà nell’utilizzo della procedura online e/o per qualsiasi informazione, potete contattare gli uffici comunalii:
Comuni di Bastiglia, Bomporto, Nonantola e Ravarino:  Servizio Unico Scuola 059/896641 059/800721 059/896624 EMAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Comune di Castelfranco Emilia: Sportello al cittadino (per supporto all’iscrizione on line) 059/959216 059/959232 059/959248 059/959258 059/959269 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Ufficio Scuola (per informazioni sul funzionamento dei centri estivi e sull’erogazione del contributo economico) 059/959381 059/95248 Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Comune di San Cesario sul Panaro: Servizio istruzione 059/936712  Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Vedi avviso con tutte le informazioniVEDI LOCANDINA  
 
 
 
BONUS BABY SITTING: i genitori di figli minori di 14 anni in didattica a distanza o in quarantena, possono richiedere il  bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting o di servizi integrativi per l’infanzia, fino al 30 giugno 2021. Nel caso di figli affetti da disabilità grave è valida, invece, per le scuole di ogni ordine e grado a cui sono iscritti, e per i centri diurni a carattere assistenziale di cui sono ospiti, chiusi a causa dell’epidemia da covid. Il buono può essere utilizzato, invece che per pagare la baby sitter, per iscrivere i figli a centri estivi o a servizi integrativi per l’infanzia, servizi socio-educativi territoriali, centri con funzione educativa e ricreativa, e servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.Il bonus si rivolge ai lavoratori:iscritti alla Gestione Separata INPS; autonomi iscritti all’INPS;  alla sicurezza, difesa e soccorso pubblico impiegati per le esigenze connesse al Covid-19; dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, che siano medici, infermieri (inclusi ostetrici), tecnici di laboratorio, tecnici di radiologia medica, operatori sociosanitari, compresi i soccorritori e autisti/urgenza 118. Istruzioni per la domanda      Attivo il servizio online per presentare la domanda   
 
 
 
BANDO PER CONTRIBUTI SCREENING PATOLOGIE ONCOLOGICHE: possono presentare domanda  le persone dai 30 ai 65 anni  iscritti al Fondo Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, in servizio e in quiescenza. E' possibile presentare la richiesta fino al 30 novembre 2021.  
 
 
 
SCADENZE PER LA ROTTAMAZIONE TER E IL SALDO STRALCIO: con il DL SOSTEGNI è stata introdotta con la Rottamazione ter per permettere a chi ha debito con l’Agenzia delle Entrate di pagare senza incorrere in more e sanzioni. Per aver accesso a questa agevolazione, è necessario essere in regola con i pagamenti del 2019. Per il pagamento delle rate relative all’anno 2020 c’è tempo fino al 31 luglio 2021. Con i canonici 5 giorni di tolleranza, l’ultima scadenza è quindi quella del 9 agosto. Entro quella data bisogna versare le rate scadute il 28 febbraio 2020, il 31 maggio 2020, il 31 luglio 2020 e il 30 novembre 2020. Per le rate relative al 2021, ovvero quelle con scadenza al 28 febbraio 2021, al 31 maggio 2021, al 31 luglio 2021 e al 30 novembre 2021 avranno tempo fino al 30 novembre. Con i canonici 5 giorni di tolleranza, l’ultima data utile sarà quella del 6 dicembre 2021. Lo stesso vale per le cartelle interessate dal saldo e stralcio, in scadenza il 31 marzo e il 31 luglio 2021.  
 
 
 
ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE DEI COMUNI: è concesso dai comuni e pagato dall’INPS, rivolto alle famiglie composte  da almeno  un genitore e tre figli minori, con patrimoni e redditi limitati e con valore ISEE entro certi limiti, (il valore dell’ISEE per il 2021,non deve essere superiore a 8.788,99 euro) L’assegno al nucleo familiare viene erogato  con cadenza semestrale posticipata (entro il 15 luglio e il 15 gennaio). L’importo nel 2021 del bonus terzo figlio è pari 145,14 euro mensili, per tredici mensilità. La domanda va presentata al comune entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello per il quale è richiesto l’Assegno al Nucleo Familiare (ANF). Al momento della domanda il nucleo familiare potenziale beneficiario del bonus terzo figlio deve avere anche una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) da allegare e che illustri quindi la situazione economica. La domanda deve essere presentata in uno Sportello Sociale dei comuni dell’Unione del Sorbara
 
 
 
CARTA ACQUISTI PER MINORI DI TRE ANNI:  è una carta di pagamento elettronica concessa a cittadini che si trovano in condizioni di disagio economico, genitori di bambini di età non superiore ai tre anni; italiani e ai cittadini di un paese UE e/o loro familiari non aventi cittadinanza in uno stato membro, ma titolari di diritto di soggiorno, nonchè a stranieri in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Sulla carta vengono accreditati automaticamente ogni due mesi 80 euro che possono essere utilizzati per la spesa alimentare negli esercizi convenzionati e per il pagamento delle bollette di gas e luce presso gli uffici postali, accedendo direttamente alla tariffa elettrica agevolata.
Possono presentare domanda le famiglie con un ISEE inferiore a inferiore a 7.001,37 euro per l'anno 2021. La domanda va richiesta presso gli uffici postali compilando un modulo che poi le Poste inoltreranno all'INPS il quale invierà la carta inizialmente priva di fondi. Il modulo si trova anche sui siti di INPS e POSTE ITALIANE.  
 
 
 
REDDITO DI CITTADINANZA: dal 6 Marzo 2019 è possibile presentare la domanda. Modelli per la domanda E' rivolto alle famiglie in difficoltà, con l'obiettivo di favorire il reinserimento nel mondo del lavoro e l'inclusione sociale. E' composto di due parti: una di integrazione al reddito familiare e una per l'integrazione del costo dell'affitto o del pagamento del mutuo.  Il reddito di cittadinanza è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale, per cui i beneficiari devono sottoscrivere un patto per il lavoro o un patto per l'inclusione sociale. I requisiti richiesti sono: essere un cittadino italiano o europeo o di risiedere in Italia da almeno 10 anni; il nucleo familiare deve avere un ISEE inferiore a 9.360 euro, un valore di patrimonio immobiliare (diverso dalla casa di abitazione) non superiore ai 30.000 euro, un reddito familiare inferiore ai 6.000 euro annui moltiplicato per la scala di equivalenza (la soglia è elevata a 9.360 euro quando il nucleo familiare risiede in una abitazione in affitto).  Sono inoltre richiesti altri requisiti particolari relativi al possesso dei mezzi di trasporto.
La domanda si può presentare per via telematica attraverso il sito dedicato https://www.redditodicittadinanza.gov.it, oppure presso i Centri di Assistenza Fiscale (CAF) o presso gli uffici postali. Dopo aver presentato domanda l'INPS verificherà i requisiti e in seguito verrà comunicato quando e in quale ufficio postale ritirare la carta poi in base ai propri requisiti ci sarà convocazione da parte del Centro per l'impiego per sottoscrivere un patto per il lavoro o dal Comune per sottoscrivere un patto per l'inclusione sociale. Per ulteriori informazioni vedi la pagina dedicata dell'INPS . NOVITA DEL DL SOSTEGNI: nel caso di contratto di lavoro a tempo determinato, entro il limite di 10.000 euro, il beneficio si intende sospeso per tutta la durata del contratto e non decade. Questo per incentivare ad accettare proposte di lavoro anche a termine.  
 
 
 
REDDITO DI EMERGENZA. Consiste in in un sostegno economico rivolto alle famiglie in difficoltà a causa dell'emergenza sanitaria per Covid-19. Per presentare domanda bisogna avere la residenza in Italia, un reddito familiare nel mese di febbraio 2021 inferiore ad una soglia pari all'ammontare del beneficio, un ISEE del nucleo inferiore a 15000 euro e un valore del patrimonio mobiliare familiare (con riferimento all’anno 2020) inferiore a 10000 euro (la soglia è accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo – fino a un massimo di 20.000 euro – e in presenza di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza).  La domanda può essere presentata attraverso il sito dell'INPS, accedendo con le credenziali oppure tramite i CAF o i Patronati  Il DL SOSTEGNI ha rinnovato per i mesi di marzo, aprile e maggio 2021 il reddito di emergenza destinandolo alle famiglie in situazione di necessità economica con le stesse regole previste dal decreto Rilancio, ma con una soglia di reddito incrementata per i nuclei che sono in affitto (fissate in precedenza a un massimo di 15mila euro di ISEE e 20mila euro di patrimonio mobiliare) pari a un dodicesimo del canone di locazione. Ogni quota del reddito di emergenza varia dai 400 euro a massimo 840 euro ogni mese. Il REM continua a non essere compatibile con la presenza, nel nucleo familiare, di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, e la stessa incompatibilità vale in caso di persone appartenenti al nucleo già percettori di pensione diretta o indiretta (ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità), percettori di reddito/pensione di cittadinanza e titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore alla soglia massima di reddito familiare, individuata in relazione alla composizione del nucleo. Le famiglie che per la prima volta richiedono il Reddito di Emergenza devono presentare la domanda entro il 30 aprile 2021, (PROROGATA AL 31 MAGGIO 2021). mentre non hanno necessità di farlo i nuclei che in passato hanno già ricevuto questo sostegno.  prime indicazioni per la domanda  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FONDO DI SOSPENSIONE MUTUI PER L'ACQUISTO DELLA PRIMA CASA prevede la possibilità per i titolari di un mutuo contratto per l'acquisto della prima casa, di beneficiare della sospensione del pagamento delle rate al verificarsi di situazioni di temporanea difficoltà, destinate ad incidere negativamente sul reddito complessivo del nucleo familiare.  Il DL n. 9/2020 contenente “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e il DL n. 18/2020 contenente “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale  e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19  hanno introdotto la possibilità di richiedere la sospensione del mutuo anche iin ulteriori casi.  
 
 
 
SOSPENSIONE RATE DEL MUTUO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE. Il Protocollo d’intesa è aperto all’adesione delle banche e degli intermediari finanziari, impegna i soggetti aderenti a sospendere il pagamento della quota capitale dei mutui ipotecari e di credito ai consumatori, con il corrispondente allungamento del piano di ammortamento, per un periodo non superiore a 18 mesi, nei confronti delle donne inserite in percorsi certificati di protezione, che si trovino in difficoltà economica
 
 
 
 
 
 
BONUS CULTURA 2021: Per i giovani nati nell'anno 2002, 500 euro da spendere in buoni per cinema, musica e concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza, corsi di musica, di teatro o di lingua straniera. Fino al 31 AGOSTO 2021 ci si può registrare con SPID a 18app e fino al 28 FEBBRAIO 2022 si può spendere il Bonus Cultura
 
 
 
PROROGA BONUS VACANZE.   E' un  bonus per servizi turistici utilizzabile una volta sola  da ogni famiglia di importo variabile a seconda del numero di componenti del nucleo (massimo 500 euro; per nuclei composti da due persone 300 euro, per nuclei di una sola persona 150 euro). Il bonus si richiede tramite l'App IO  e accessibile tramite le credenziali dell'identità digitale SPID o mediante la carta di identità elettronica (CIE). Può presentare richiesta del Bonus chi ha presentato la domanda dal 1°luglio fino al 31 dicembre 2020 con l’app IO e si può spendere entro il 31 dicembre 2021.
 
 
 
CONTRIBUTI DEL SERVIZIO SOCIALE: Le famiglie con minori che si trovino in grave difficoltà possono richiedere un contributo economico ai Servizi sociali del Comune. Questi interventi possono essere mirati alla soluzione di un bisogno preciso oppure articolati in sussidi mensili. Per informazioni contattare gli Sportelli Sociali dei Comuni dell'Unione del Sorbara.
 
 
 
PROGETTO INSIEME ONLUS (Commissione diocesana di consulenza finanziaria)Offre gratuitamente consulenza finanziaria, ristrutturazione del debito, rinegoziazione dei mutui